Stipulare una polizza assicurativa per la casa può rappresentare un utile investimento, poichè calcolare ogni evenienza e pagare poco per volta può far evitare di ritrovarsi defraudati dei propri averi o del proprio appartamento e in più con grossi debiti.

Tra le circostanze sfortunate che un’assicurazione può coprire alcune delle più comuni sono senza dubbio furto, rapina e incendio.

Vediamo allora nello specifico questi tre casi:

  1. Furto: per questa evenienza spiacevole dobbiamo innanzittutto tener conto del fatto che polizza assicuratival’assicurazione sarà strettamente legata alle caratteristiche dell’abitazione, in base a cui verrà stabilito se riconoscere o meno l’entità del danno; di conseguenza, occorre seguire delle semplici raccomandazioni come ad esempio stimare in modo preciso il valore dei beni presenti nel proprio appartamento, conservare una traccia, attraverso scontrini o foto, degli oggetti di valore posseduti, sporgere prontamente denuncia presso le forze dell’ordine in caso di furto;
  2. Rapina: questa circostanza, invece, viene coperta da quelle assicurazioni che permettono anche il risarcimento di un danno ai propri beni che avviene all’esterno dell’ abitazione principale, come appunto nel caso di uno scippo o di una rapina esterna;
  3. Incendio: in questo caso la polizza copre i danni materiali causati sia all’abitazione che agli oggetti in essa presenti; spesso la copertura base prevede tra le possibili cause di un incendio un fenomeno elettrico (fulmini, scariche o cali di tensione) e danni provocati da agenti atmosferici, quali forti piogge, vento, neve, grandine.

Alle porte della bella stagione e delle vacanze, assicurare il proprio “focolare domestico” può essere un modo per allontanarsi con più serenità.

Fonte Immagine: www.iocomprocasa.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.