1RAPINA32629_medium-300x225I truffatori escogitano sempre qualche nuovo metodo da cui dobbiamo difenderci, o meglio da cui dobbiamo difendere il nostro denaro. La nuova trappola si chiama cash trapping, un sistema adoperato dai malviventi per rubare addirittura dai Bancomat. La tecnica è piuttosto semplice, e soprattutto ai truffatori servono pochissimi minuti per mettere a segno il loro colpo. Vediamo di cosa si tratta, così da riconoscere il pericolo.

I giornali ci dicono che i casi di cash trapping qui in Italia, nelle varie regioni, sono diversi. Questa tecnica truffaldina non è però italiana, bensì nasce in Paesi nordeuropei quali la Francia ed il Regno Unito. Ma ci ha messo davvero poco ad arrivare anche da noi. I truffatori entrano in azione nel momento in cui l’utente si reca allo sportello del bancomat per effettuare un regolare prelievo. Al denaro viene impedito di uscire, visto che è volutamente bloccato all’interno.

I malviventi riescono a intrappolarlo servendosi di una forcella, la quale viene abilmente collocata nel punto destinato alla fuoriuscita delle banconote. L’utente malcapitato, attendendo invano che il denaro sia erogato, dopo qualche minuto di attesa tende ad allontanarsi, credendo che ci sia un guasto in corso. E’ proprio quando l’utente rinuncia al prelievo vista la sua impossibilità, che compaiono i malviventi. In pochi secondi prendono il malloppo e si allontanano di gran fretta.

I colpi che sono stati messi a segno sfruttando questa tecnica sono davvero tanti, ed in alcuni casi le cifre rubate sono davvero considerevoli. Pensate che in Francia con il cash trapping è stato rubato più di un milione di euro. Qui in Italia in alcuni casi è partita qualche denuncia, come a Guidonia, dove una donna insospettitasi ha richiesto subito l’intervento delle forze dell’ordine. Ed in effetti è proprio questo il modo migliore per difendersi: tenere gli occhi sempre ben aperti e di fronte a dei guasti poco convincenti del dispositivo, segnalarlo subito a chi di dovere.

Fonte immagine: nocensura.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.