salvadanaio-1-300x225Un bel dubbio che attanaglia da un po’ di tempo il risparmiatore italiano è il seguente: è meglio un conto corrente tradizionale o un conto corrente online? Ora che infatti il mercato finanziario è ancora più ricco, oltre alle possibilità crescono anche le domande su quali scelte fare. Pertanto, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su questi due diversi prodotti, mettendoli a confronto e individuandone pregi e difetti.

Partiamo dal conto corrente tradizionale. Questo prodotto è innanzitutto l’ideale per chi è abituato a poter contare sulla guida del personale bancario. Chi ha un conto corrente tradizionale può infatti avvalersi del personale per eventuali informazioni, chiarimenti e consigli.

Naturalmente questo servizio non è gratuito, e va dunque a gravare sulle stesse tasche dell’utente. Per questo motivo, se vogliamo fare un paragone, possiamo affermare che il conto corrente tradizionale è meno vantaggioso economicamente rispetto al conto corrente online. Quest’ultimo è al contrario più indicato agli utenti che sono pratici di internet e che soprattutto non hanno necessità di quel contatto fisico con la filiale che invece il conto tradizionale offre.

Il conto corrente online infatti non garantisce quel rapporto con il personale che per molti utenti, soprattutto quelli meno giovani, è sinonimo di affidabilità e sicurezza. Comunque vogliamo rassicurarvi: un conto corrente online non necessita di particolari conoscenze e competenze nel campo informatico. Gestire il proprio conto sul computer non è un’operazione complicata e nel caso di informazioni è comunque possibile usufruire di un servizio apposito, che però funziona tramite e-mail o telefono. Naturalmente la consulenza del personale bancario sarà più esaustiva e soddisfacente di quella che avviene via e-mail, ed è proprio questo il motivo per cui in molti non si sentono ancora sicuri per poter abbondonare il loro conto corrente tradizionale. Quello online è però più conveniente, sia in termini di tempo che denaro.

Fonte immagine: finanzaeconomia.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.