Con la minore liquidità in giro ed il serio rischio di insolvenza, le Banche hanno deciso che chi ha bisogno di denaro dovrà mediamente pagare di più per il suo rimborso. Come sappiamo, gli interessi da corrispondere per il rimborso di un qualsiasi tipo di prestito (mutuo, prestito personale, credito finalizzato, etc) hanno un tetto massimo oltre il quale il loro valore non potrà mai andare, pena una condanna per l’istituto bancario che ha applicato veri e propri interessi da strozzino.

Il superamento della soglia massima applicabile in quanto ad interessi è il cosiddetto tasso di usura. Purtroppo, però, in questo tempo di crisi economica profonda, anche il tasso di usura è stato modificando penalizzando ulteriormente i mutuatari e tutti coloro che abbiano ricevuto una qualsiasi forma di prestito bancario.

Se, infatti, prima il tasso era considerato usurario se superava di oltre il 50% il Tegm (Tasso effettivo globale medio praticato dal mercato e rilevato dalla Banca d’Italia ogni tre mesi), ora un tasso potrà essere ritenuto d’usura solo se supererà di 25 punti percentuali il Tegm e ad esso dovranno essere aggiunti ulteriori 4 punti percentuali.

Una situazione abbastanza forte, insomma, mitigata solo da un’ulteriore limitazione imposta per evitare il peggio e che prevede un tetto utile solo per i prestiti molto alti. La differenza tra tasso medio e soglia di usura, infatti, non dovrà mai superare gli 8 punti percentuali. Ogni tipologia prestituale, poi, prevede un suo tasso medio ed un diverso tasso considerato di usura. Per cessioni del quinto oltre i 5.000 euro, ad esempio, il tasso medio annuo è dell’11,69% mentre il limite di usura è a sette punti percentuali di distanza, a 18,61%.

Per i mutui a tasso fisso, invece, il tasso medio applicato dalle Banche è di circa il 5,5% mentre il limite di usura viene stabilito a 10,88%. Cifre leggermente più basse per il tasso medio dei mutui variabili che si attesta al 4,34% mentre qui la percentuale oltre la quale si parla di usura è del 9,42%.

Foto: radiocarinanews.blogspot.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.