Avete intenzione di stipulare un mutuo ipotecario? Allora chiaritevi bene le idee in quanto spesso i contratti di mutuo sono di difficile comprensione. Questo in parte nasce dalla necessità di utilizzare termini tecnici insostituibili ma anche dal complicato modo delle finanze.

Quindi fate attenzione a cosa significhi il mutuo ipotecario o prestito sulla vostra proprietà. Di fatti, esso è preso in luogo del patrimonio che avete sulla vostra casa. Il patrimonio di un immobile è l’importo effettivamente di proprietà del proprietario, e non il istituto finanziario lo finanziarie o se il proprietario detiene un mutuo. Per semplicità, si può dire che è la differenza nei valori della vostra casa nel mercato di oggi, e l’ammontare del proprietario di casa deve alla banca.

Secondo la definizione ufficiale l’ipoteca è un diritto di garanzia. Per essere più precisi essa attribuisce al creditore la facoltà di produrre l’espropriazione del bene e la sua vendita forzata. Tuttavia, ciò non significa che “se non paghi il mutuo la banca si prende la casa”.

In caso di insolvenza il creditore potrà chiedere alla magistratura di procedere alla vendita forzata del bene, per rientrare in possesso di quanto gli spetta. Ma gli sarà impedito di diventarne proprietario in compensazione del credito. I mutui ipotecari oltre al contratto presuppongono l’accensione di un particolare vincolo sulle proprietà immobiliari (ipoteca) e sono noti come “finanziamenti con garanzia reale”. Hanno una durata in genere superiore ai 60 mesi.

Il contratto viene stipulato da un Notaio che poi lo deposita nella Conservatoria immobiliare per l’iscrizione dell’ipoteca. La funzione del notaio è in realtà quella di consentire l’iscrizione dell’ipoteca (e a cancellarla alla fine del mutuo), garanzia sulla base della quale la banca eroga la somma alla parte mutuataria.

Più è lungo il mutuo e più il tasso d’interesse tende ad essere elevato, crescendo il rischio della banca. D’altra parte, la lunghezza del mutuo riduce l’ammontare della rata e quindi permette una spesa maggiore. La funzione del notaio nei confronti della banca è quella di fornire un’informazione essenziale, ovvero l’esistenza di un bene ipotecabile non gravato da nessun altra formalità pregiudizievole per la banca. Il tempo necessario per tali verifiche è di una decina di giorni lavorativi.

Fonte Immagine: finanziamentionline.tk

Tags:

Sorry, Comments are closed.