I Pronti contro Termine, detti anche PCT, sono pacchetti di titoli acquistati da un cliente presso una Banca che funge per l’appunto da venditrice dei titoli stessi. Con questa procedura si apre, in buona sostanza, un prestito a parti invertite dove è l’istituto bancario a ricevere denaro dal correntista impegnandosi a rimborsarglielo con una scadenza prefissata e con interessi stabiliti a priori nella fase di stipula del contratto tra le parti.

La Banca, insomma, vende questi strumenti finanziari di sua proprietà impegnandosi a riacquistarli in un tempo prefissato che può variare da pochi mesi (solitamente un minimo di due) fino ad arrivare ad un anno, durata massima prevista per il rendimento dei titoli.

Questa particolare forma di investimento può risultare remunerativa a patto che il cliente non decida di recedere prima del tempo dal contratto. In questo caso, infatti, sarà costretto a pagare una penale alla Banca o, nel migliore dei casi, potrà riottenere il capitale investito senza interessi.

Ma a chi è rivolto davvero questo tipo di investimento? Sicuramente a tutti i risparmiatori che desiderano una liquidità maggiore nel giro di poco tempo e vogliono trovare una valida alternativa ai BOT, ai Titoli di Stato e ai nuovi conto deposito vincolati ormai presenti nel portfolio di offerte di numerosi istituti bancari.  Va comunque sottolineato che, a fronte di maggiori interessi che il cliente potrà riscuotere, anche i rischi connessi aumentano esponenzialmente.

Questa tipologia di investimento potrà essere richiesta alla propria Banca sia come cliente privato che come impresa a patto che sia già aperto a proprio nome (o ragione sociale) un conto corrente all’interno dell’istituto. A ciò dovrà aggiungersi l’obbligo di apertura di un deposito titoli qualora il richiedente non ne sia già in possesso. Una volta realizzate queste due condizioni, il cliente potrà procedere alla sottoscrizione del contratto con la sua Banca analizzando preventivamente condizioni, tassi di interesse e durata dello stesso.

Foto: worky.biz

Tags:

Sorry, Comments are closed.