Cercate un conto deposito su cui poter contare? Allora sappiate che, per conto deposito si intende, un conto corrente bancario che offre la possibilità di depositare e di risparmiare. Esistono diversi tipi di conto deposito e il vantaggio di tali conti è che solitamente essi non impongono il pagamento di bolli e quindi è possibile anche aprirne più di uno.

Basta soltanto scegliere il conto che più ci interessa e confrontare tra i vari conti messi a disposizione dalle banche e procedere. In genere, per scegliere bene, bisogna verificare il tasso offerto dalla banca e quale tipo di promozione offre possa premiare i nuovi correntisti, chi porta un amico o chi decide di bloccare in un deposito a tempo una cifra per un periodo predeterminato di tempo.

Tra i vari conti, spicca il prodotto per privati di Banca Ifis. Si tratta di un conto deposito che si attiva utilizzando la connessione internet, chiamato Rendi Max, semplicissimo e sicuro da usare. Rendimax offre un tasso del 2,50% e una liquidazione trimestrale degli interessi. Inoltre, è possibile vincolare il capitale fino a 12 mesi, ottenendo  il 3,80% di interessi e il 4% in caso di vincolo per 18 mesi, nonché il 4,30% in caso di vincolo per 24 mesi.

Il conto Rendimax funziona abbinato al proprio conto tradizionale che si ha con qualunque banca italiana. La sicurezza che da’ questo sistema e’ fondamentale in quanto i soldi non potranno finire in mano di terzi, perché i soldi potranno entrare e uscire solo attraverso il conto predefinito che si ha con la propria banca tradizionale.

Aprirlo è facile. Basta compilare il modulo sul sito dedicato a Rendimax, poi basta stampare il contratto e inviarlo insieme alla fotocopia di fronte e retro della carta identità e del codice fiscale tramite posta all’indirizzo che  verrà segnalato in sede di apertura.

E’ importante sapere che anche aderendo al vincolo si ha la sicurezza che i propri soldi sono garantiti dal Fondo Interbancario di Tutela. Naturalmente è bene sapere anche che comunque l’insieme totale del conto che viene tutelato dal Fondo Interbancario, rimane sempre dei famosi 103 mila euro comprensivi anche dei soldi che si hanno vincolati.

Fonte Immagine: informazione.it

 

Tags:

Sorry, Comments are closed.