Può capitare di avere acceso un mutuo, essendo certi di poter far fronte con puntualità al pagamento di tutte le rate, ma poi, per motivi differenti, non essere in grado di rispettare il contratto stipulato. Ma cosa succede in casi come questi, in cui si è costretti dalle circostanze a non saldare le rate incombenti?

Chi è in difficoltà può chiedere la sospensione delle rate, una soluzione pensata apposta per costituire una valido aiuto alle famiglie italiane che si ritrovano improvvisamente in una condizione di disagio. Ma vediamo nel dettaglio chi può chiedere la sospensione delle rate del mutuo ed in cosa consiste questa pratica, scoprendo soprattutto a quali tipi di mutuo può essere applicata.

La sospensione delle rate del mutuo è una misura, presa in accordo tra l’Associazione bancaria italiana e l’Associazioni dei consumatori, rivolta a tutti coloro che hanno acceso un mutuo ma hanno incontrato nel frattempo i seguenti problemi: la perdita del posto di lavoro; la sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, seguita dalla cassa integrazione; un grave infortunio che determina una mancanza di autosufficienza; la morte di chi ha chiesto il mutuo (ovviamente, in questo caso è la famiglia a richiedere la sospensione delle rate).

Ma questa misura non può essere applicata indistintamente a tutti i tipi di mutuo. Essa si può applicare ai mutui con un importo che non supera i 150 mila euro e una durata non maggiore di 5 anni, e che o risultano garantiti da un’ipoteca oppure sono finalizzati alla prima casa, sia al suo acquisto che ad una ristrutturazione. Mentre la sospensione non è valida per i mutui che godono di agevolazioni pubbliche, quelli che hanno rata fissa a tasso e durata variabile, quelli che hanno subito un ritardo nel pagamento di più di 90 giorni. Per ottenerla basta accertarsi di essere in possesso dei requisiti appenza menzionati e che la banca erogataria del mutuo abbia aderito a questa iniziativa. Se è così, va presentata una specifica domanda entro il 31 gennaio 2013.

Fonte immagine: nonsoloprestiti.net

Tags:

Sorry, Comments are closed.