16900-1-cerchi-una-stanza-in-affittoComplice la crisi economica, sono sempre di più le persone che, soprattutto nelle grandi città, decidono di cedere in affitto una stanza della propria abitazione. Capita chiaramente a chi ha la fortuna di vivere in case grandi, e che ad esempio, in seguito all’uscita di casa dei figli ormai adulti, si ritrova con una o più camere vuote. Queste camere sono quindi messe a disposizione di studenti o anche di lavoratori fuori sede. Ci si ritrova così a condividere la propria casa, situazione che magari porta a perdere un pizzico della propria privacy, ma che si può rivelare piuttosto vantaggiosa dal punto di vista economico.

L’importante è ovviamente agire nel rispetto della legge e di quanto essa prevede in materia. Vediamo quindi in che modo agire per affittare una stanza della propria casa. Se avete intenzione di affittare la stanza per un periodo breve, che non superi i ventotto giorni all’anno, allora potrà bastare una scrittura privata tra le due parti. Attraverso questo metodo sarà possibile affittare la camera a più persone nel corso dell’anno. In ogni caso non si dovranno mai superare i ventotto giorni e non si dovrà protarre questa attività a  più di 9 mesi l’anno.

Se invece avete deciso di affittare la camera per un periodo che va da un mese a diciotto mesi, non rinnovabili, allora dovrete stipulare un contratto di affitto di tipo transitorio. A differenza del caso precedente per cui era sufficiente una scrittura privata, stavolta si dovrà registrare il contratto all’Agenzia delle entrate.

Infine, se si decide di non rispettare specifici vincoli temporali, si dovrà procedere con il classico contratto che dura 4 + 4 anni, con canone libero. Nel caso in cui non siate particolarmente esperti in materia di affitti e tassazioni, è consigliabile rivolgersi a dei professionisti. La loro consulenza vi metterà a riparo da grane inutili.

Fonte immagine: http://go-bari.it/universita-e-scuola/le-ultime/16900-stanze-in-affitto-per-universitari-il-vademecum-per-non-farsi-fregare.html

Tags:

Sorry, Comments are closed.