amministratore-condominio-fotogramma_672Le discussioni tra i condomini sono all’ordine del giorno in qualsiasi condominio di qualsiasi città. E’ superfluo dire che gli animi si accendono soprattutto quando si discute per motivazioni di ordine economico. Capita spesso, infatti, di dover affrontare delle spese extra per conservare in buono stato le parti comuni di un edificio. Tuttavia, con la crisi economica che ha toccato gran parte delle famiglie italiane, per molti affrontare delle spese extra può risultare davvero faticoso. E’ però bene sapere che quando non si è d’accordo, le spese condominiali possono anche essere contestate. Vediamo in quali casi ed in che modo.

La prima cosa da chiarire è che il nostro Codice Civile prevede che le spese condominiali debbano essere sostenute da tutti i condomini in base ai millesimi di proprietà. Ciò significa che avete la possibilità di controllare sempre l’importo che vi viene richiesto, accertandovi che esso sia rispettoso delle quote millesimali. Nel caso in cui ciò non dovesse avvenire, ma le spese siano state suddivise in parti uguali tra tutti i condomini, avreste il diritto di contestare tale decisione in nome dell’art. 1123 c. C., primo comma, che dice appunto chiaramente che nella ripartizione vanno prese in considerazione le quote millesimali.

La contestazione dovrà avvenire in forma scritta. Si dovrà inoltre richiedere di trattare l’argomento in sede di assemblea. Attenzione proprio all’assemblea, perché se le somme di denaro in questione sono già state approvate in sede assembleare, allora dovranno essere saldate. Bisognerebbe quindi prevenire ciò partecipando alle assemblee, opponendosi immediatamente quando c’è qualcosa che non vogliamo venga approvata.

Infine, nel caso in cui sia l’amministratore a stabilire un determinato pagamento, egli deve mostrare tuti i documenti che certifichino i motivi di una richiesta di denaro. Se la spesa viene considerata inopportuna, bisognerà subito richiedere un’assemblea per contestarla e cercare di giungere ad una risoluzione positiva per tutti i condomini.

Fonte immagine: http://vocearancio.ingdirect.it/focus/condominio/

Tags:

Sorry, Comments are closed.