Il loro nome tecnico è tax expenditures, vale a dire agevolazioni fiscali per casa e famiglia. In totale si tratta di ben 720 agevolazioni di vario tipo tra deduzioni, detrazioni ed altri sgravi fiscali che rischiano di scomparire così come annunciato con un comunicato stampa al termine del Consiglio dei Ministri.

Tale “rimodulazione”, così come è stata definita per ora, sarebbe necessaria per ridurre ad un solo punto percentuale l’aumento dell’Iva previsto per il prossimo Giugno. Lontani dalle critiche al fatto che la riduzione pareva inizialmente dover essere di due punti percentuali e non uno solo, vediamo insieme nel dettaglio a cosa le famiglia italiane potrebbero andare incontro con la nuova legge di stabilità ed i suoi rincari fiscali.

Un gruppo di lavoro costituito dal ministro Giulio Tremonti e dal sottosegretario all’Economia, Vieri Ceriani, ha scandagliato tutte le 720 agevolazioni finora previste per casa e famiglia col compito di ridurre considerevolmente questo numero ponendo, tra le altre cose, nuove limitazioni per l’ottenimento degli sconti che resteranno attivi. In particolar modo si prevede che gran parte di queste tax expenditures diventino nulle per redditi annui superiori ai 15.000 euro e che per le detrazioni attive venga imposto un tetto massimo di 3.000 euro.

Ma quali sono i maggiori sconti che rischiano di scomparire? Tra quelli per la casa troviamo la detrazione del 55% su interventi di riqualificazione energetica, la detrazione per gli interventi di restauro, la deduzione sui canoni e quella sulla rendita catastale dell’immobile adibito ad abitazione principale.

Tra quelli per la famiglia, invece, i contribuenti rischiano di vedere andare in fumo detrazioni per i familiari a carico, detrazione per le spese sanitarie e per quelle di istruzione, deduzione degli assegni periodici per il coniuge e quelle delle spese mediche in caso di menomazione o grave e permanente invalidità. Pare, inoltre, che le pensioni di guerra e quelle di invalidità possano, alla luce di questi nuovi tagli, essere assoggettate al pagamento dell’Irpef.

Foto: assicurazioni-polizze-online.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.