7006_villaLa maggior parte delle giovani coppie italiane sono innamorate, anzi innamoratissime, ma non hanno le possibilità economiche per costruire un futuro insieme mettendo su famiglia. Insomma l’amore non basta, per stare insieme serve una casa ed oggi acquistarne una per due giovani è una vera impresa.

Ottenere un mutuo vuol dire avere delle garanzie come un lavoro fisso, che attualmente in Italia è un lusso per pochi ed un sogno irraggiungibile per tutti gli altri. Ma non disperate, un piccolo barlume di speranza per costruire il vostro nido d’amore c’è. Questo barlume di speranza si chiama “Diritto al futuro” ed è il fondo messo a disposizione delle coppie under 35 per l’acquisto della prima casa. Non ci rimane che saperne di più, scoprendo chi ne ha diritto ed in che modo è possibile accedere a questo fondo.

Il fondo “Diritto al futuro” consiste in 50 milioni di euro che il governo ha deciso di destinare alle coppie con un’età inferiore ai 35 anni e con un reddito piuttosto basso affinché possano ottenere un mutuo per comprare la loro prima casa, nonostante non siano in possesso di quei requisiti che le banche regolarmente chiedono per accedere a tale mutuo. Ma vediamo subito chi può beneficiare di tale fondo. Innanzitutto, come abbiamo già detto, le coppie under 35, con o senza figli. L’altro requisito essenziale è il reddito, il quale, sulla base dell’attestazione del modello ISEE,  non deve risultare superiore ai 35mila euro. Inoltre, i due componenti della coppia non devono risultare possessori di altri immobili ad uso abitativo.

L’immobile che si intende acquistare beneficiando del fondo deve a sua volta possedere caratteristiche ben precise: deve essere adibito ad abitazione principale; le sue dimensioni non possono superare 90 metri quadrati; non può appartenere alle categorie catastali di immobili di lusso. Se si hanno tutte le carte in regola per accedere al fondo, la banca concederà un mutuo ipotecario per la prima casa, il cui valore non supererà i 200mila euro.

Fonte immagine: supermoney.eu

Tags:

Sorry, Comments are closed.