La tua intenzione è quella di acquistare casa? Allora sappi che l’acquisto di un immobile non è un affare proprio economico, poiché, a parte il prezzo della casa che andrai ad acquistare ci sono molte altre cose da pagare. Prime tra tutte le imposte da pagare al fisco che devono essere pagate per regolarizzare le azioni di compravendita dell’immobile stesso.

La prima cosa di cui devi tener conto è il tipo di immobile che andrai ad acquistare, poiché la base di calcolo su cui ricavare le imposte di trasferimento degli immobili, quando viene effettuato un acquisto  da parte di un privato è proprio la rendita catastale. La rendita originaria verrà, di fatti, moltiplicata per  il coefficiente di moltiplicazione, un valore che si aggira intorno a 115,5 e 110 quando si tratta di rendita rivalutata al 5%. Il coefficiente cambia in base al tipo di immobile che si sta acquistando, ma anche in virtù della destinazione che ha l’immobile.

Nel momento in cui la compravendita riguarda un immobile appartenente alle categorie A o C, fatta eccezione per le A/10 e C/1, il coefficiente di moltiplicazione a cui si dovrà far riferimento è pari a 126, se si tratta di rendita rivalutata al 5% il valore da moltiplicare è di 120. Il valore del coefficiente sale ancor di più quanto riguarda l’immobile appartiene alla categoria B.

Nel caso in cui la compravendita interessi un immobile appartenente alla categoria A/10 e D il coefficiente di moltiplicazione con rendita originaria è pari a 63, mentre con rendita rivalutata al 5% è pari a 60. Ultime categorie da citare sono la C/1 e la E. In questi casi il coefficiente di moltiplicazione con rendita originaria è pari a 42,84 e con rendita rivalutata al 5% è pari a 40,8.

In genere, per ottenere il valore della rendita di una casa ci si può rivolgere al notaio che stenderà la compravendita, tuttavia, il dato è facilmente deducibile dall’atto notarile del precedente passaggio di proprietà della casa o puoi trovarla online al sito dell’Agenzia del Territorio.

Fonte Immagine: blog.immobiliare-italia.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.