Oggi la maggior parte degli italiani non ha delle case di proprietà ma vive in case in affitto. Inutile spiegare i motivi: la crisi economica rende già difficile fronteggiare tutte le spese quotidiane ed arrivare dignitosamente a fine mese. Mettere da parte del denaro per poi investirlo nell’acquisto di un immobile, così come hanno fatto i nostri nonni e i nostri genitori, appare davvero una missione impossibile, un lusso che in pochi possono concedersi. Per non parlare delle tasse che gravano sui possessori di immobili: non basta il denaro per acquistare una casa, si deve possedere anche quello per “mantenerla”. Insomma, le premesse ci sono proprio tutte per andare a vivere in affitto.

Ma attenzione: sia nel caso siate i proprietari che gli affittuari, dovete avere l’accortezza di fare tutto a norma di legge, per non incorrere nel rischio di pesanti sazioni. Chiunque possiede una casa e decide di cederla in locazione deve infatti regolarizzare la nuova situazione attraverso un contratto d’affitto. Pertanto, vediamo in che modo si può procedere affinché il tutto risulti a norma di legge.

La prima cosa da sapere è che necessitano di essere registrati obbligatoriamente tutti gli immobili concessi in affitto a terzo per una durata temporale che risulti superiore a trenta giorni. La registrazione deve essere effettuata presso una delle sedi locali dell’Agenzia delle Entrate e deve avvenire entro trenta giorni dal momento in cui il contratto è stato stipulato.

Ma prima ancora di presentarsi all’Agenzia delle Entrate occorre compilare scrupolosamente il contratto, che dovrà riportare tutti i dati necessari relativi sia al proprietario che all’affittuario. Bisognerà allegare al contratto la fotocopia della carta d’identità di entrambi. A questo punto si potrà passare al pagamento dell’F23 in un istituto bancario, pari al 2% dell’affitto annuo. Infine ci si potrà recare all’Agenzia delle Entrate con le copie del contratto e del pagamento dell’F23. Dopo aver compilato un ulteriore modulo sarete finalmente in regola.

Fonte immagine: abcrisparmio.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.