Se lavori e sei genitore di un figlio disabile o assisti un familiare o comunque un parente entro il 3° grado gravemente handicappato hai diritto a delle agevolazioni previste dalla legge 104/92 che ti garantiscono di non essere trasferito ad altra sede lavorativa senza il tuo consenso e che ti permettono di scegliere la sede di lavoro più vicina al luogo di residenza della persona a cui presti assistenza.

Inoltre, la legge prevede che i lavoratori affetti da patologie oncologiche e che sono costretti a seguire delle terapie salvavita hanno l’opportunità di convertire il proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a part-time, e questo vale sia che si lavori nel settore pubblico sia che si lavori nel settore privato.

Tale categoria di lavoratori ha, inoltre, il diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo pieno per mansioni uguali o corrispondenti rispetto a quelle oggetto del rapporto di lavoro a tempo parziale. Anche coloro che prestano assistenza a familiari disabili hanno lo stesso diritto di precedenza qualora la patologia oncologica riguardi il coniuge, i figli, i genitori e il convivente.

La legge 104/92 prevede, inoltre, la possibilità di usufruire di un permesso dal lavoro per chi ha figli disabili fino al 3° anno di vita. Anche il padre o la madre che lavori e che sia genitore o affidatario di minori con handicap in situazione di gravità, hanno diritto al prolungamento del periodo di congedo parentale fino a tre anni di età del bambino oppure, potranno godere di un permesso giornaliero retribuito di due ore fino al compimento del terzo anno di età del bambino.

Fonte Immagine:rsucorcos.blogspot.com

Sorry, Comments are closed.