Nel  caso in cui siate delle donne che hanno appena partorito un figlio e siete disoccupate è possibile, per voi, richiedere la maternità dallo Stato dopo un periodo di disoccupazione.

Infatti, se siete cittadine italiane o comunitarie residenti in Italia, ed extracomunitarie con permesso di soggiorno, e avete versato tre mesi di contributi nel periodo che va dai 18 ai 9 mesi antecedenti la nascita del figlio o dell’ingresso in famiglia del figlio adottivo, vedrete riconosciuto dall’Inps il diritto a percepire l’assegno di maternità dallo Stato.

Attenzione, però, l’assegno può essere richiesto anche dal padre nel caso in cui la madre abbia abbandonato il figlio o nel caso di affidamento esclusivo del figlio al padre, fermo restando che egli possegga i requisiti contributivi previsti per la madre.

Oppure, il padre ha diritto all’assegno se è affidatario preadottivo, nell’ipotesi di separazione dei coniugi o se è padre adottante, nell’ipotesi di adozione senza affidamento quando intervenga la separazione dei coniugi.

Oppure, il padre deve aver riconosciuto il neonato o è coniuge della donna adottante o affidataria preadottiva, in caso di decesso della madre naturale o di quella adottiva o affidataria preadottiva.

La domanda (mod. SR28) deve essere presentata alla sede Inps di competenza entro 6 mesi (termine perentorio) dalla nascita del bambino o dall’effettivo ingresso del minore in famiglia nel caso di adozione o affidamento.

L’importo dell’assegno, per le nascite avvenute nel 2010 e per gli affidamenti preadottivi e le adozioni dei minori il cui ingresso in famiglia sia avvenuto nel 2010, è pari a Euro 1.916,22.

Fonte Immagine – fiscooggi.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.