Se avete messo da parte qualche risparmio e siete pronti ad investire delle somme di denaro per il vostro futuro potreste pensare di aprire un conto deposito. Cioè un deposito a risparmio libero con il quale la istituzione emittente, dopo aver comperato le somme da voi depositate, le conserva e si obbliga a corrispondervi gli interessi pattuiti e maturati e a restituirvi le somme depositate, nel caso si trattasse di un deposito libero.

Si può, in questo caso, parlare di una forma di investimento poco rischioso avendo in più il vantaggio di gestire il tutto online, avendo, inoltre, dei soldi sempre disponibili e a portata di click. Il conto deposito è un servizio finanziario e non un conto corrente bancario, pertanto esso offre un’operatività limitata rispetto ai conti correnti tradizionali ma in cambio i tassi di interesse sono più elevati.

Oggi più che mai gli italiani sono invogliati a passere da altre forme di investimento, come i dossier titoli, al conto deposito. Ciò a causa della finanziaria 2011 che prevede aumenti esagerati per l’imposta di bollo sui titoli superiori a 50.000 euro, motivo per il quale, un conto deposito potrebbe risultare una vera e propria soluzione.

In fondo, aprire un conto deposito non è difficile, basta recarsi direttamente nelle filiali bancarie, oppure avviare la pratica online e mediante la compilazione di un form e la trasmissione cartacea del contratto firmato in calce il gioco sarà fatto. Naturalmente dovrete fornire i dati anagrafici ed effettuare un versamento minimo per confermare l’effettiva apertura del conto deposito.
Fonte Immagine: finanzaeinvestimenti.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.