Sentiamo spesso parlare di Eft, fondi che vengono indicati come sicure fonti di investimento sia per le persone che conoscono bene i mercati finanziari, sia per gli investitori che si stanno avvicinando al mondo della finanza e dell’economia. Ma cosa sono gli EFT nel dettaglio e come possono essere scelti per diventare una buona fonte di investimento personale?

Gli Eft sono dei fondi comuni di investimento che vengono negoziati nelle borse. Al contempo, questi fondi replicano di pari passo l’andamento di un certo indice, come ad esempio quello dell’oro o anche quello della Borsa di un certo paese. Questa caratteristica permette all’investitore di operare in un particolare mercato finanziario oppure in una classe di assets ben determinata, conoscendo bene i rischi, avendo la possibilità di informarsi sulle caratteristiche e quindi senza esporsi a rischi di natura pericolosa per i propri investimenti.

I vantaggi dei fondi comuni di investimento vanno innanzitutto letti nella loro convenienza in relazione alla qualità tipica dei fondi azionari e di investimento che rappresentano. In altre parole, gli Eft sono oggetti di una compravendita dai tratti perenni, ovvero possono essere venduti oppure acquistati anche nel corso della stessa giornata, in modo decisamente pratico e a costi che sono chiari. Si tratta di strumenti dalla natura liquida, e questa caratteristica rappresenta un beneficio per chi opera attivamente nei mercati finanziari.

Per questa ragione, gli Eft vengono indicati come il migliore investimento per i piccoli risparmiatori, in quanto il lotto minimo che può essere lavorato durante una negoziazione coincide con una quota o con un’azione. Questa caratteristica permette di investire anche somme poco ingenti e di diventare sempre più bravi e lungimiranti, nonché di evitare di esporre troppo capitale nell’investimento che si sta attuando.

Le commissioni di gestione sono inoltre molto ridotte e questa caratteristica sa rendere i fondi ancor più adatti ai piccoli risparmiatori o a chi si sta avvicinando al mondo della finanza e egli investimenti. In alcuni casi non viene nemmeno richiesto di pagare una commissione di ingresso e le commissioni possono aggirarsi sul valore dell’1,5% al massimo e sono inoltre pagabili in proporzione al periodo in cui si detengono i fondi.

Un’altra ottima caratteristica che merita di essere considerata riguarda il fatto che gli Eft sono autonomi e del tutto separati dal patrimonio dell’emittente. Questo fatto permette di azzerare il rischio nei confronti dell’emittente e rende gli Eft sicuri in quanto sdoganati dal patrimonio come accade con le obbligazioni, i titoli di Stato e atri prodotti che possono essere strettamente legati ai fenomeni di crisi economica.

Di base, si tratta di investimenti semplici, che con l’aiuto di un buon mediatore possono rappresentare sia il punto di partenza per gli investitori alle prime armi, sia un approdo sicuro per chi ricerca investimenti positivi, dal rendimento praticamente certo ma caratterizzati da una fluidità massima nelle transazioni. A conti fatti, gli Eft vengono consigliati dagli esperti come un prodotto di investimento utile anche in periodi di volatilità di mercato e questo aspetto può essere considerato come fondamentale per chi sceglie di operare nel campo della finanza anche in periodi di transizione economica o quando gli altri indici sono troppo instabili per essere pianificati oppure predetti.

Tags:

Sorry, Comments are closed.