Noi consumatori siamo fortunatamente protetti da alcune norme a nostre favore, che è bene conoscere per poter far valere i nostri diritti. Uno di questi è il diritto di recesso, un importante strumento che possiamo esercitare in alcuni casi. E’ proprio questo ciò di cui ci occupiamo oggi: spiegarvi come e quando è possibile esercitare il diritto di recesso.

Praticamente a tutti noi è capitato almeno una volta di aver fatto un acquisto sbagliato. E quando l’acquisto viene fatto via internet, come oggi è frequentissimo, o anche via telefono o televisione, altre due frontiere dello shopping negli ultimi anni, commettere un errore è ancora più frequente.

Ma proprio in questi casi in cui l’acquisto non viene effettuato nei tradizionali locali commerciali, bensì al di fuori di essi, è possibile fare valere il diritto di recesso. Vi spieghiamo meglio servendoci di un esempio: immaginate di aver comprato su internet un paio di scarpe ma, una volte arrivate a casa e misurate, vi accorgete che scarpe sono troppo piccole o troppo grandi per i vostri piedi. Ecco, in questo caso potete recedere il contratto d’acquisto concluso a distanza. Ma come fare?

Innanzitutto è necessario tenere bene a mente che il ripensamento può avvenire entro dieci giorni dal momento in cui avete ricevuto a destinazione l’acquisto che non volete più. A questo punto dovete comunicare il vostro recesso attraverso lettera raccomandata con avviso di ricevimento o anche attraverso telegramma, telex, posta elettronica e fax, purché ci sia conferma comunque mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le quarantotto ore successive. Nella raccomandata basta inserire i propri dati e quelli dell’ordine effettuato, precisando che esigete il rimborso entro trenta giorni. Il consumatore deve impegnarsi a restituire la merce senza farle riportare danno alcuno. A questo punto il venditore dovrà provvedere al rimborso quanto prima, entro trenta giorni da quando è venuto a conoscenza della vostra domanda di recesso.

Fonte immagine: finanzaeconomia.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.