Già da qualche tempo si sta diffondendo sempre più anche da noi in Italia una nuova tipologia di affitto. Nuova quantomeno per noi, visto che negli altri Paesi, specie in quelli del Nord Europa, è una pratica abituale che trova un largo riscontro da parte della popolazione. Questa tipologia di affitto è il cosiddetto affitto a riscatto, e per chi ancora non lo conoscesse vi spieghiamo in che modo funziona e quali sono i vantaggi che offre.

L’affitto a riscatto è una forma particolare di affitto che dà la possibilità all’affittuario di poter acquistare l’appartamento alla scadenza del contratto di locazione. Il prezzo viene pattuito già dall’inizio e deve essere detratto a questa somma quanto è già stato versato durante la locazione.

Quindi vi facciamo un esempio per essere ancora più chiari: immaginate di innamorarvi di una casa ma non avete al momento i soldi sufficienti per comprarla. Potete allora decidere con il proprietario per optare per l’affitto a riscatto, che vi permetterà di abitare la casa in questione con un regolare contratto di locazione, a cui dovrete però affiancare un secondo contratto, con cui si specifica che in un secondo momento la casa in locazione sarà comprata da voi.

Ma a quale prezzo potrà essere acquistato l’immobile? Alla scadenza del contratto di locazione, potrete rilevarlo ad una somma che è il risultato della differenza tra il costo reale della casa ed il totale dei canoni d’affitto che già sono stati versati. Questa formula lascia intuire in modo piuttosto evidente  vantaggi che presenta. Soprattutto ora, in un momento in cui chiedere un mutuo è sempre più difficile, con l’affitto a riscatto si ha l’occasione di poter acquistare comunque una casa, ovviamente aspettando tempi migliori ma con il grande beneficio di avere nel frattempo il prezzo d’acquisto bloccato. E visti i tempi non è poco…

Fonte immagine: tutorcasa.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.