Tempi duri per giovani e meno giovani con la disoccupazione dilagante che c’è in Italia e non solo. L’ultima indagine condotta nel nostro Paese ha portato alla luce un dato inquietante: un giovane su tre è senza occupazione. Mancanza di motivazione, di studi adeguati o di esperienza?

Il Talent Shortage Survey 2012 ha in questi mesi condotto un sondaggio tra alcune aziende italiane operanti in diversi settori e prese a campione. Sembra paradossale ma le posizioni ricercate sono moltissime, anche se le società non riescono a reclutare personale competente.

Nella top ten delle figure professionali più ricercate, e dunque sulle quali converrebbe investire per chi sta intraprendendo particolari studi o sta per affacciarsi al mondo del lavoro, sono le seguenti. In primis la manodopera specializzata che, a detta unanime di tutte le aziende interpellate, scarseggia in grosse quantità. Seguono segretari, assistenti amministrativi e personali, tecnici, autisti, impiegati in contabilità e finanza, commerciali, meccanici, manovali e personale addetto alla ristorazione.

Gli ambiti, insomma, sono quanto mai variegati. Ma perché allora, vista la crescente domanda di lavoro specializzato, manca poi l’offerta giusta? La situazione è alquanto complessa. Pare infatti che il primo deterrente per le aziende sia la mancanza di esperienza pregressa da parte del candidato in posizioni analoghe. Quando, invece, la specializzazione c’è, è l’età troppo matura del candidato ad essere un problema. Dall’altro canto, sono gli stessi giovani a lamentare un’eccessiva chiusura nei confronti di candidati che, per maturare un’esperienza lavorativa valida, dovranno pur essere assunti da qualche azienda per iniziare un percorso di apprendistato e formazione.

Resta di fatto che i settori lavorativi sui quali conviene investire attualmente hanno a che fare con le mansioni di ufficio legate ai rami assicurativi e finanziari mentre, come evince chiaramente dal sondaggio svolto dal Talent Shortage Survey 2012, per la manodopera sono sempre più indispensabili tecnici con un elevato grado di specializzazione, facchini ed autisti.

Foto: parma-airport.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.