Sono sempre di più gli italiani che provano ad arrotondare il loro reddito grazie al trading online. Ancora, ci sono tanti italiani che hanno reagito alla crisi e alla mancanza di lavoro provando a diventare capi di se stessi grazie al trading online. Insomma, il trading online nel forex, in Borsa, su azioni o materie prime è diventato molto diffuso. Accanto ad una marea di offerte concrete, che possono portare a guadagni elevati, ci sono anche alcune truffe. Spesso si legge che il trading online è una specie di truffa legalizzata: non lo è, anzi possiamo dire che può essere considerata una grandissima opportunità per fare profitti. Ma attenzione: le truffe ci sono e bisogna assolutamente trovare il modo di difendersi.

Facciamo trading online per guadagnare, non per farci derubare quindi è meglio state con gli occhi aperti.

Quali sono le truffe che si possono subire quando si fa trading online? Diciamo che le truffe sono sostanzialmente di due tipi, parliamo di truffe vere e proprie ma anche di condizioni talmente pesanti che, pur essendo pienamente legali, possono causare perdite immense e vanno comunque evitate allo stesso modo in cui si evitano le truffe.

Ma chi è che truffa? Il trading online non è qualcosa di astratto, è un’attività concreta di negoziazione sui mercati che si svolge attraverso piattaforme di trading. A truffare, purtroppo, sono le piattaforme di trading poco oneste e poco trasparenti.

trading online truffaCome si fa a distinguere una piattaforma di trading truffaldina da una di cui invece ci si può fidare ad occhi chiusi? E’ molto più semplice di quello che si possa pensare. L’attività di trading online è regolata e controllata dalla CONSOB che esercita la sua occhiuta vigilanza. Non è un caso che molte piattaforme truffaldine, nel corso del tempo, siano state chiuse proprio per un intervento CONSOB. Alcune volte la CONSOB ha addirittura disposto il sito web della piattaforma incriminata. Insomma, la CONSOB vigila contro le truffe. Tuttavia non è onnipotente e onnisciente, quindi ci saranno sempre piattaforme truffaldine che appaiono sul mercato. Dopo tutto queste piattaforme hanno anche una vita piuttosto breve, pochi mesi e poi i fondatori fuggono con il bottino accumulato, pronti a fondarne una nuova.

Qual è il modo migliore per difendersi da queste truffe? Molto semplice, aprire conti di trading esclusivamente presso broker autorizzati e regolamentati da CONSOB. Basta una piccola verifica, che richiede al massimo qualche minuto, per poter stabilire se la piattaforma è legale o meno. Purtroppo molti principianti si fanno truffare in questo modo ma è colpa loro.

Estremamente più subdolo il comportamento di quelle piattaforme che pur formalmente autorizzate e regolamentate da CONSOB applicano commissioni sull’eseguito. In questo caso la difesa è più difficile perché il trader principiante non si rende conto che le commissioni lo rovinano fino a quando non passano alcuni mesi. Inoltre, dal punto di vista formale, queste piattaforme sono pienamente legali.

Il consiglio per difendersi è semplice: se leggete commissioni sull’eseguito, chiudete tutto e cambiate piattaforma. Con le commissioni sull’eseguito si perde sempre e comunque, in partenza. Molto meglio scegliere piattaforme completamente gratis, prive di costi fissi o di commissioni. Sono queste le piattaforme che fanno guadagnare davvero.

Tags:

Sorry, Comments are closed.