disabileCredete di avere diritto all’inserimento nelle categorie protette, o che, invece, ne abbia diritto qualcuno dei vostri familiari? Molto spesso non si bene informati sui requisiti necessari per accedere a tali categorie. Molti, poi, non conoscono qual è l’iter necessario da seguire. Per questi motivi cercheremo attraverso questa guida di fare un po’ di chiarezza sull’argomento, spiegandovi appunto come accedere alle categorie protette.

A disciplinare il tema del lavoro per le categorie protette è la legge n. 68/1999. Essa stabilisce che per rientrare in tale categoria si debba avere un certo grado di invalidità civile. Dunque, prima di inoltrare la vostra domanda, dovete accertarvi di essere in possesso di tutti i requisiti. Sottoponendovi poi a visita medica potrete esser certi che la vostra domanda non verrà non considerata valida. Ricordate che è richiesta una invalidità che sia almeno del 46%, che deve essere certificata dall’USL. Dovrete perciò fare domanda di visita presso la USL della vostra città, aspettando che vi venga comunicato il giorno in cui dovrete sottoporvi alla visita medica.

Ricordate anche che se siete disoccupati da più di due anni, ai fini dell’inserimento nelle categorie protette, dovrete farvi rilasciare un documento che certifichi il vostro stato di disoccupazione. A questo punto la vostra domanda potrà essere presentata. Tenete presente che i lavoratori appertenenti alle categorie protette possono essere inseriti nelle aziende in due modi: tramite la chiamata nominativa e tramite la chiamata numerica. La prima definizione indica che i lavoratori verranno ricercati mediante una selezione, la seconda che verranno assunti in base alla graduatoria del centro per l’impiego.

L’azienda che assume lavoratori rientranti nelle categorie protette ha chiaramente dei vantaggi di tipo economico, in quanto è previsto un contributo diretto dell’INPS. Esso corrisponde al 60% del costo salariale per le disabilità superiori al 79%  ed al 25% per disabilità comprese tra il 69% ed il 79%. Inutile dire i vantaggi per il lavoratore, che avrà così il diritto di godere di un canale preferenziale.

Fonte immagine: http://comefare.com/come-assumere-chi-appartiene-alle-categorie-protette/

Tags:

Sorry, Comments are closed.