imagesNonostante non ci sia molta attenzione sul tema, le malattie professionali colpiscono un numero considerevole di lavoratori. Dopo i casi di morti bianche, quelli di malattie professionali rappresentano ciò che di più grave può accadere nello svolgimento della propria professione. Si tratta di situazioni delicate, in cui è importante far valere i propri diritti. Per farlo, e dunque per certificare una malattia professionale, è necessario seguire quanto la normativa vigente stabilisce. Vediamo quindi in che modo è corretto agire.

Innanzitutto, deve essere il medico a certificare che la malattia da cui si è colpiti è una malattia professionale. Bisogna quindi sottoporsi a visita medica e lasciare che il medico accerti le cause che hanno provocato la malattia da cui si è affetti. Se il medico riconosce che effettivamente le cause sono riconducibili al tipo di occupazione che si svolge o comunque al contesto lavorativo, allora si potrà attestare la patologia occupazionale.

Diversamente dall’infortunio sul posto di lavoro, la malattia professionale si stabilisce sulla base del tempo che intercorre tra il momento della prima esposizione e quello in cui i sintomi della patologia si manifestano per la prima volta. Nel momento in cui tramite apposito certificato il medico avrà riconosciuto la patologia, l’Inail dovrà risarcire il lavoratore che ha subito il danno. Per ottenere tale risarcimento il lavoratore dovrà presentare il certificato medico al suo datore di lavoro entro quindici giorni dal rilascio del certificato stesso.

A sua volta il datore di lavoro dovrà dare comunicazione all’Inail entro cinque giorni della malattia professionale del lavoratore. A questo punto spetterà all’Inail fissare una visita con il lavoratore attraverso la quale ricostruire la sua anamnesi lavorativa. L’istituto lavorativo svolgerà quindi tutte le analisi necessarie ad appurare la presenza o meno della patologia professionale. Terminate le indagini ne comunicherà l’esito al lavoratore.

Fonte immagine:  http://old.inca.it/Servizi/040InfortuniMalattieProf

Tags:

Sorry, Comments are closed.