G2911P 0117Qual è l’iter per diventare insegnanti di sostegno? A chiederselo sono tanti giovani che desiderano lavorare nella scuola, magari per aiutare bambini e ragazzi con difficoltà di apprendimento. Vediamo quindi qual è la trafila che è necessario seguire, con una preliminare avvertenza: non si tratta di un percorso semplice. Ci vogliono infatti tanta pazienza e determinazione. Se queste doti non vi mancano, siete allora pronti alla lettura della nostra guida.

Punto di partenza per poter diventare insegnanti di sostegno è la formazione universitaria. Se fino ad un po’ di tempo fa erano diverse le facoltà indicate per avvicinarsi a questo mestiere, da lettere e filosofia a lingue, le recenti riforme hanno stabilito che è la laurea in Scienze della Formazione ad essere indispensabile. Inoltre, la laurea deve essere completa (triennale più magistrale). Una volta concluso il percorso universitario, per diventare insegnanti di sostegno si potranno percorrere differenti strade. Ci si dovrà innanzitutto abilitare all’insegnamento attraverso un apposito concorso indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Dopo il concorso si potrà quindi prender parte ad uno dei corsi sempre emanati dal Ministero. Ma c’è anche una strada alternativa a questa appena descritta, che è rappresentata dai corsi organizzati dalle università. Per la partecipazione a questi corsi non c’è infatti bisogno dell’abilitazione curriculare. E’ proprio frequentando la Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento (SSIS) presso le università che si potrà ottenere l’abilitazione all’insegnamento. Oltre alle nozioni teoriche è anche necessario svolgere un periodo di tirocinio.

Si entrerà poi nelle graduatorie scolastiche, così da poter iniziare a fare le prime supplenze. Come già saprete, l’insegnante di sostegno si occupa di seguire gli alunni diversamente abili o con difficoltà di apprendimento nelle scuole di ogni grado. Egli non si occupa solo della formazione scolastica ma anche dell’integrazione di questi alunni. Si tratta dunque di un lavoro delicato e di grande responsabilità, ma che può dare anche grandi soddisfazioni.

Fonte immagine: http://www.concorsoscuole.it/2013/09/scuola-insegnanti-di-sostegno-meno-della-meta-dei-bambini-disabili/

Tags:

Sorry, Comments are closed.