461_1Inserirsi nel mondo del lavoro è sempre più difficile, i posti liberi sono pochi e la concorrenza è tanta. Per questo si cerca di essere sempre all’altezza, di perfezionarsi attraverso master e magari attraverso un tirocinio all’estero. Quest’ultima strada è percorsa da molti perché, oltre ad essere un’esperienza stimolante, entusiasmante e di crescita, un tirocinio all’estero rappresenta anche un bel biglietto da visita nel proprio curriculum. Ma come ci si deve muovere per scegliere il tirocinio giusto?

Naturalmente il primo aspetto di cui bisogna tener conto è il proprio percorso formativo, e dunque la conoscenza che si ha delle lingue. Ciò significa che occorre riflettere sui propri obiettivi e valutare dove questi possono essere perseguiti al meglio, attraverso la presenza di strutture eccellenti.

Soprattutto è necessario informarsi delle esperienze di chi ha già fatto un tirocinio presso il luogo che abbiamo scelto, così da avere un reale quadro della situazione e delle effettive possibilità che si hanno. Come abbiamo accennato, è fondamentale tenere in considerazione nella propria scelta il livello della conoscenza della lingua parlata nel luogo verso il quale ci orientiamo. Se tutto questo vi è già ben chiaro, dovete passare all’azione cercando il vostro tirocinio.

Un aiuto nella ricerca ve lo fornisce il Ministero degli Affari Esteri, il quale si occupa annualmente di pubblicare un buon elenco di tirocini. Chiedete anche alle Università, che molto frequentemente si occupano delle relazioni con l’estero e potranno esservi d’aiuto. Così come una mano possono darvela le ambasciate. Se poi avete le idee ben chiare ed avete in mente una struttura in cui vi piacerebbe effettuare il tirocinio, non esitate ad autocandidarvi, mandando direttamente il vostro curriculum. Il consiglio che vi diamo è di accettare tirocini gratuiti solo se svolti in realtà davvero significative e prestigiose, così da poter essere una sorta di investimento per il futuro, altrimenti non ne varrebbe la pena.

Fonte immagine: vivadublino.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.