inailArrivano nuove regole per i datori di lavoro che hanno l’obbligo di comunicare eventuali infortuni dei loro dipendenti. Dal Marzo scorso, infatti, l’unica procedura che è possibile attuare per comunicare l’infortunio di un dipendente è on line attraverso la compilazione di alcuni moduli specifici, cambiati anch’essi rispetto al passato.

Stiamo parlando del nuovo modulo 4 Bis Prest, arrivato in sostituzione dei meno recenti 4 Prest e 117 Prest, che potrà ancora essere utilizzato in formato cartaceo (ma la procedura on line è in ogni caso già attiva dal 20 Marzo scorso) fino al prossimo 30 Giugno. Un piccolo aiuto per portare i datori di lavoro a familiarizzare innanzitutto col nuovo modello da compilare e poi, gradualmente, con la nuova modalità di compilazione.

La vera novità  dell’introduzione del nuovo procedimento on line è che in questo modo il datore di lavoro non è più obbligato ad inoltrare il certificato medico del lavoratore vittima di infortunio anche se, in particolari casi, l’Inail potrebbe richiederne una copia per portare a termine i propri adempimenti.

Ricordiamo comunque che il datore di lavoro, pur non dovendo inviare il certificato medico del dipendente, è in ogni caso tenuto ad inoltrare la nuova richiesta telematica all’Inail entro due giorni dalla ricezione dello stesso certificato da parte del lavoratore quando la sua prognosi è superiore ai tre giorni (facendo esclusione del giorno stesso nel quale si è verificato l’infortunio). Il modulo andrà compilato ed inviato elettronicamente a prescindere dal fatto che l’incidente avvenuto abbia o meno i requisiti per un eventuale indennizzo economico.

Nel settore dell’artigianato, a presentare regolare denuncia dell’infortunio dovrà essere il titolare ma se l’infortunio lo riguardasse in prima persona la comunicazione dovrà essere inoltrata da un eventuale altro titolare o dal medico curante. Nel settore agricolo, invece, il lavoratore autonomo vittima di infortunio dovrà preoccuparsi personalmente di inoltrare comunicazione all’Inail per sé o per eventuali infortuni di altri membri della famiglia che lavorano nell’azienda.

Foto: repubblica.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.