Dopo anni di studio per i giovani neolaureati arriva il momento di inserirsi nel mondo del lavoro. Ma tutti sappiamo che è dura farsi strada dopo la laurea, si invia il proprio curriculum a centinaia di aziende, e molto spesso la risposta non arriva oppure non è quella tanto sperata. Riuscire ad ottenere un colloquio in alcuni casi è già un traguardo. Ma cos’è che cercano davvero le aziende dai neolaureati? Partiamo col dire che non tutte le lauree sono richieste allo stesso modo.

Quelle che al momento offrono garanzie di un maggior inserimento nel mondo del lavoro, stando a quanto riportato dalla recente ricerca “Neolaureati e Stage”, condotta da Gidp (ossia l’Associazione direttori risorse umane), sono le seguenti: in cima alla classifica troviamo la laurea in ingegneria, richiesta dal 29% delle aziende; seguono a ruota economia con il 23%, informatica e chimica, che è richiesta dal 6% e giurisprudenza, con il 5%. Le facoltà umanistiche sono quelle attualmente meno richieste dal mercato del lavoro: la laurea in lettere è richiesta solo dal 1% delle aziende e quella in Filosofia solo dallo 0,39%.

Non ci sono grandi possibilità neanche per i neolaureati in bilologia, psicologia o sociologia. Ma al di là di uno specifico diploma di laurea, alle aziende interessano anche altre competenze e caratteristiche, che rendono un candidato vincente rispetto ad un altro. Una minima esperienza è uno dei primi requisiti richiesti: ci si aspetta di solito che il candidato abbia già messo alla prova le proprie capacità attraverso un periodo di stage. Allo stesso modo, vengono valutate molto positivamente da chi di dovere le esperienze di studio o di lavoro all’estero.

Queste infatti  permettono di perfezionare le proprie conoscenze linguistiche, altro requisito fondamentale. Accanto ad una buona conoscenza almeno dell’inglese figurano anche le competenze informatiche, oggi indispensabili. Infine, non sono meno importanti anche qualità come flessibilità, capacità di lavorare in team, intraprendenza e motivazione. Fonte immagine: catapulta.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.