La disoccupazione ordinaria è un particolare sussidio previsto dallo Stato per quanti sono assicurati presso l’Inps da almeno due anni e subiscono un licenziamento. Per far fronte al periodo senza impiego, quindi, viene versato al contribuente un importo mensile per sostentarsi (e sostentare la sua famiglia in caso di assegni familiari) fino a quando riuscirà a trovare un nuovo lavoro o a seguire un corso professionalizzante ma in ogni caso per un massimo di otto mesi che diventano dodici se il soggetto in questione ha un’età al di sopra dei 50 anni.

La stessa disoccupazione cessa nel momento in cui si viene assunti con qualsiasi tipo di contratto o si riceve pensione diretta. Per ricevere l’indennità di disoccupazione, secondo le nuove normative varate dal Governo Monti, sarà necessario possedere un conto corrente bancario, un libretto di risparmi postale o, più semplicemente, una carta conto sulla quale accreditare la somma.

Conditio sine qua non per ottenere l’indennità di disoccupazione è l’aver maturato 52 settimane contributive nel biennio precedente al licenziamento.

Ma vediamo ora come presentare la domanda di disoccupazione ordinaria. Innanzitutto ricordiamo la tempistica: la domanda andrà presentata entro 68 giorni dall’avvenuto licenziamento presso l’Ufficio Inps più vicino o rivolgendosi agli Enti di Patronato diffusi sul territorio. Indispensabile far precedere alla domanda di disoccupazione la dichiarazione di essere disponibili ad un nuovo lavoro facendosi iscrivere presso il Centro per l’impiego della propria zona di residenza.

I documenti necessari per l’ottenimento dell’indennità di disoccupazione sono quindi, oltre al suddetto certificato realizzato dal Centro per l’impiego, una certificazione scritta dall’ultimo datore di lavoro circa il rapporto lavorativo intercorso. La stessa  potrà essere sostituita da un’autocertificazione presentata dal dipendente. A questi due documenti si dovrà aggiungere la dichiarazione per la detrazione di imposta richieste.

Per quanti decidessero di recarsi personalmente presso l’ufficio Inps più vicino per presentare la domanda per l’indennità di disoccupazione senza rivolgersi, quindi, ad un patronato, sarà possibile scaricare direttamente dal Web la modulistica necessaria dal sito ufficiale Inps.

Un’ultima curiosità: quanto si potrà percepire mensilmente durante il periodo in disoccupazione? La legge prevede il 60% dello stipendio per i primi 6 mesi, il 50% dello stipendio il settimo e l’ottavo mese ed il 40% dello stipendio percepito prima del licenziamento a partire dal nono mese per coloro che hanno diritto ad un massimo di dodici mesi di indennità.

Foto: comefaretutto.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.