Chi non conosce la firma Zara? Si tratta di una marca spagnola di tendenza per cui sia ragazze che ragazzi vanno pazzi. Ma se parliamo di Zara non è per occuparci di moda ma di lavoro. Il gruppo tessile Inditex, di cui Zara fa parte insieme ad altri brand come Bershka, Massimo Dutti, Oysho, Pull&Bear, Stradivarius e Zara home, ha infatti progetti importanti e ambiziosi in fatto di assunzioni.

Il progetto ha un nome ben preciso, Talent house, e riguarda attualmente 42 dei negozi del brand posizionati a Milano e nell’hinterland cittadino.  Successivamente si estenderà anche alle altre città. L’obiettivo è quello di creare l’accesso al mondo del lavoro ai giovani attraverso una selezione che possa valutare sia le capacità del candidato a ricoprire un ruolo di vendita sia le sue potenzialità di crescita  all’interno del gruppo. Nel frattempo per i negozi viene preparato un bacino di personale al quale accedere tempestivamente in caso di necessità.

Ma vediamo nello specifico come funziona. Ogni settimana sono convocate almeno 200 persone tra tutte quelle che hanno proposto la propria candidatura. Tra di loro ne verranno effettivamente selezionati 120, che poi saranno rivalutati a gruppi per una verifica delle loro potenzialità. Infine, almeno la metà di loro entrerà effettivamente a lavorare in uno dei 42 negozi del Gruppo. Talent house si occupa di questo aspetto legato alla selezione del personale, senza tralasciare i corsi di formazione sulla sicurezza e sulle principali nozioni legate alla vendita.

Tra i requisiti principali la giovane età, la passione per la moda, l’attenzione per il cliente, una buoina dialettica e flessibilità sugli orari di lavoro (molti dei punti vendita sono posizionati all’interno di centri commerciali). Nel frattempo, dobbiamo segnalare che è già partito un altro importante progetto dello stesso gruppo. E’ Zara academy, che coinvolge esclusivamente neolaureati per ricoprire i ruoli di viceresponsabili. Il programma di formazione è un po’ più complesso, si divide i classi, la cui prossima partirà a novembre.

Fonte immagine: dicinternationalist.wordpress.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.