Il consumo di detersivi, utilizzati in vario modo in casa, incidono non solo sul portafoglio delle famiglie ma anche sull’ambiente. Un’opportunità di risparmio e di rispetto dell’ambiente può essere pertanto data dall’autoproduzione dei detersivi.

Apparentemente potrebbe sembrare molto complesso produrre da sè i detersivi, considerato che le sostanze che utlizziamo ogni giorno per la pulizia delle nostre case sono spesso delle miscele chimiche sintetizzate nei laboratori incaricati dalle aziende produttrici.

In realtà, invece, ritornando un po’ indietro alla vecchia saggezza popolare delle nostre nonne, possiamo riscoprire dei metodi estremamente semplici per assicurare l’igiene casalinga in modo del tutto eco-sostenbile ed impiegando solo prodotti naturali.

Un prodotto molto semplice da realizzare è costituito da una miscela di bicarbonato di sodio e aceto di vino bianco, che si può impiegare per sbiancare i propri capi di abbigliamento; inoltre, aggiungendo anche succo di limone, ottiene in poche mosse un ottimo anticalcare da utilizzare per la propria lavatrice.

Per la pulizia dei lavandini della cucina e per la rubinetteria d’acciaio una valida soluzione è costituita da un composto costituito da mezzo litro d’acqua, un quarto di aceto e uno di alcool; per la rubinetteria del bagno, invece, è consigliabile usare una crema autoprodotta solamente con acqua ossigenata e dentifricio.

C’è da dire, però, che l’utilizzo massiccio di detersivi avviene soprattutto per la pulizia delle lavastoviglie: ecco che possiamo sostituire i prodotti industriali con una miscela naturale formata da sale, acqua, aceto e limone; in questo caso occorre un po’ di tempo e pazienza in più per bollire la miscela e poi farla raffreddare in frigo; in compenso, il risultato vi stupirà!

Fonte Immagine: http://gas77.wordpress.com/2009/03/07/detersivi-bioco/

Tags:

Sorry, Comments are closed.