E’ innegabile che i giovani fatichino a costruirsi una famiglia a causa della crisi economica che investe il nostro Paese. Fare un figlio oggi costa tantissimo, moltiplica le spese di una giovane coppia, che magari è già in difficoltà. Così al solo pensiero del costo di pannolini, omegeineizzati, tutine e visite mediche, tantissimi giovani precari rimandano o rinunciano a un figlio.

Sarà proprio per i dati allarmanti degli ultimi anni che indicavano un netto calo delle nascite, che il governo ha deciso di fare qualcosina. Stiamo parlando del Bonus bebè, ovvero l’aiuto fornito dalle regioni alle famiglie che hanno avuto un figlio e si trovano in difficoltà economiche. Ma come si può ottenere questo aiuto e a chi è rivolto? E’ proprio quello che si chiedono in molti e che andremo a scoprire.

Il Bonus bebè è un’agevolazione concessa alle famiglie che abbiano appena avuto un piccolo e che siano in possesso di determinati requisiti. I requisiti richiesti sono i seguenti: cittadinanza italiana (per gli stranieri permesso di soggiorno), nascita del bambino nella regione in cui si inoltra domanda per ottenere il Bonus, residenza dei suoi genitori nella stessa regione in cui la richiesta avviene, attestazione attraverso il modello Isee di un reddito non superiore a quello stabilito per avere diritto al bonus.

Non vi forniamo la cifra del reddito con cui si può avere diritto al bouns perché questa cifra non è unica in tutt’Italia ma varia da regione a regione. Così come è diverso lo stesso importo che le regioni mettono a disposizione delle famiglie, esso si aggira approssimativamente attorno ai 500 euro, ma ci sono regioni più generose ed altre che lo sono un po’ meno. Quindi, la cosa necessaria da fare è quella di informarsi del regolamento della propria regione, per sapere se si è in possesso dei requisiti per inoltrare la domanda. In tal caso, basterà compilare il modulo apposito, consegnarlo presso l’ufficio dei servizi sociali del comune di residenza ed aspettare conferma.

Fonte immagine: cittadinovara.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.