abbonamentoautobusCome già saprete, il fisco dà la possibilità in sede di dichiarazione di redditi di rendere un po’ più leggero il conteggio finale attraverso delle detrazioni. Tali detrazioni possono essere di diversa entità e riguardano le spese affrontate sia per la famiglia che per la casa. Tra tali detrazioni figuravano fino al 2011 anche quelle relative alle spese di trasporto. Ma ora è ancora possibile ottenere questo tipo di detrazione?

E’ proprio di questo che ci occuperemo in questa breve guida. Come abbiamo detto, le detrazioni che il fisco ci consente riguardano la casa e la famiglia. In particolare, nel caso in cui sia stata raggiunta una determinata somma durante l’arco dell’anno è possibile avere una riduzione sulle spese mediche affrontate. Rimanendo nell’ambito delle spese inerenti alla salute, è possibile detrarre anche le spese veterinarie, avendo così uno sconto su quanto speso per la cura dei nostri amici a quattro zampe.

Possono poi essere dichiarate al fisco anche le spese sostenute per l’acquisto della prima casa, quelle dovute a badanti ed infermieri privati. La voce istruzione è altrettanto ricca, in quanto prevede detrazioni per tutte le tasse scolastiche pagate dalla scuola per l’infanzia fino all’università, nonché per abbonamenti per palestre e associazioni sportive. Ed i trasportiL’amara realtà è che le spese relative ai trasporti non sono più detrabili già dal 2011.

Se fino a questa data quanto speso in abbonamenti di autobus, treni ed altri mezzi di trasporto poteva in qualche modo essere recuperato, da qualche anno non è più così. E’ questo quanto stabilito per il contribuente italiano, che quindi non può più presentare fatture e ricevute delle sue spese di viaggio. Tuttavia, una piccola soluzione c’è almeno per i guidatori di autovetture. Si possono infatti detrarre le spese per la benzina, solo se però pagate in maniera telematica. Non è molto ma è meglio di niente…

Fonte immagine: http://www.soldiblog.it/post/3604/abbonamento-trasporti-pubblici-dal-2011-non-ce-piu-la-detrazione

Tags:

Sorry, Comments are closed.