Il canone di abbonamento Rai costituisce la principale fonte di finanziamento al servizio pubblico di informazione, in Italia come in altri Paesi in Europa. Su 14 Paesi europei, il canone pagato in Italia è uno dei più bassi, al di sotto infatti vi sono solo Israele, Repubblica Ceca e Belgio.

Ti piacciono le trasmissioni sulle rete nazionali o non sono di tuo gradimento  l’imposta è comunque dovuta (R.D.L.21/02/1938 n.246) per la semplice detenzione dell’apparecchio tv o radio, indipendentemente dall’uso che se ne fa. Però vi sono delle eccezioni:

  • Contribuenti con un’età pari o superiore ai 75 anni (Art. 1, comma 132, legge 24 dicembre 2007, n.248), se non convivi con altri soggetti titolari di reddito proprio e se il tuo reddito unitamente a quello del tuo coniuge non supera euro 516,46 per tredici mensilita’ (euro 6.713,98 annui) puoi richiedere l’esonero del canone Rai. Non solo, ma chiedere anche il rimborso dei pagamenti effettuati negli anni 2008/2009/2010!
  • I militari delle Forze Armate Italiane, che alloggiano nella Casa del soldato e per le Sale Convegno dei militari delle Forze armate. Mentre chi abita in immobili privati, anche all’interno di strutture militari sono costretti al pagamento.
  • I militari di cittadinanza straniera delle Forze Nato, che possono rivolgersi al SAT (Sportello Abbonamenti TV), allegando dichiarazione del Comando da cui dipende l’interessato con relativa autocertificazione
  • I diplomatici e consolari
  • I rivenditori e riparatori TV, esercenti commerciali che riparano o vendono apparecchiature e ricezione radio/televisiva.

I cittadini possono recarsi presso gli uffici delle Agenzie dello Stato e ritirare il modulo di richiesta di esenzione o scaricarlo via internet. I documenti da presentare sono la fotocopia del documento d’ identità e il modulo compilato (una dichiarazione sostitutiva) che attesta il possesso dei requisiti.

La domanda può essere spedita tramite raccomandata al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate
 -Direzione Provinciale I di Torino
Ufficio territoriale di Torino 1
Sportello S.A.T.
Casella postale 22
10121 – Torino (To) o consegnata agli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso fosse la prima volta che richiedi l’esonero la domanda deve pervenite entro il 30 aprile; la scadenza è prorogata al 31 luglio se si vuol beneficiare dell’esonero nel secondo semestre dell’anno (compiuti il 75° anno di età entro il 31/07/2012).

Nelle annualità successive non è necessario produrre ulteriori certificazioni; nel caso non sussistano i requisiti è necessario versare l’importo dovuto.

Sorry, Comments are closed.