Sembrerebbe paradossale, in questo momento storico di crisi economica su ogni versante, che le prime riduzioni significative arrivino proprio per quanto riguarda le infrazioni al codice della Strada eppure non si tratta di una notizia falsa.

A decidere per un eventuale alleggerimento delle multe per gli automobilisti poco virtuosi sarebbe addirittura la Commissione trasporti della Camera che, con la voce del suo presidente Mario Valducci, ha annunciato di voler rendere meno salate le sanzioni per chi infrange il Codice.

Negli ultimi anni le multe, già molto alte, avevano subito un ulteriore inasprimento. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. Per l’eccesso di velocità superiore ai 40 Km/h rispetto al limite massimo, la multa era in passato di 370 euro, voltati poi a 500 euro.

In caso di stato di ebbrezza, invece, andavano e vanno tuttora distinti diversi casi. Per lieve stato di ebbrezza la contravvenzione partiva da un minimo di 500 ad un massimo di 2.000 euro con sospensione della patente da 3 a 6 mesi.

In caso di medio stato di ebbrezza si passa, invece, ad una multa che oscilla tra gli 800 ed i 3.200 euro con sospensione della patente da 6 a 12 mesi e possibile arresto fino a 6 mesi. Nell’ultimo caso, quello di evidente e grave stato di ebbrezza, la multa parte dai 1.500 euro per arrivare ai 6.000 euro con sospensione della patente per 12-24 mesi e possibilità di detenzione in carcere per 12 mesi. I motorini truccati, invece, potevano raggiungere una sanzione amministrativa pari addirittura a 3.119 euro.

Valducci propone quindi un alleggerimento del carico economico per gli automobilisti “sbadati” partendo da uno sconto che oscillerà dal 10 al 20% se la multa sarà pagata immediatamente all’agente che ha riscontrato l’infrazione attraverso carta di credito o Bancomat. Questo permetterebbe di far pervenire denaro ai Comuni in maniera più rapida e, per l’automobilista, di pagare immediatamente con un leggero sconto.

Discorso simile per le infrazioni al Codice della Strada riscontrate dall’Autovelox. In questo caso il guidatore avrebbe a disposizione 5 giorni dal ricevimento del bollettino per pagare la sanzione con uno sconto.

Si tratta ancora di ipotesi ma c’è già chi grida allo scandalo perché l’abbassamento dei tetti massimi per le multe potrebbe provocare più spavalderia sulle nostre strade rendendole ancora meno sicure. Che si sia d’accordo o meno, resta però una curiosa faccenda quella di pensare agli sconti proprio sul versante più impensato come quello delle infrazioni stradali.

Foto: radiortm.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.