Con i tempi che corrono è sempre più difficile per tutti riuscire a risparmiare e soprattutto ad investire a lungo termine. È per questo che il gruppo Poste Italiane ha pensato ad una nuova tipologia di buoni fruttiferi postali a 18 mesi, l’ideale per chi vuol mettere da parte somme non troppo alte e non desidera aspettare anni e anni per poter riappropriarsi del capitale investito e degli interessi maturali.

I nuovi buoni fruttiferi postali a 18 mesi, insomma, ben si adattano alle esigenze dei piccoli risparmiatori garantendo, al termine del periodo vincolante per l’ottenimento degli interessi, il rimborso dell’intera quota di capitale investo più un interesse lordo del 2,65% sulla somma depositata.

Per richiedere un buono fruttifero con questa formula, non bisognerà fare altro che recarsi con il proprio documento di identità e codice fiscale presso un qualsiasi ufficio di Poste Italiane sul territorio e richiedere il nuovo “BFP Diciotto mesi Plus”.

I vantaggi di questa modalità di risparmio sono molteplici. Innanzitutto i tempi di attesa per riottenere il capitale e gli interessi sono davvero brevi e a ciò va aggiunta la possibilità, in qualsiasi momento, di interrompere il buono fruttifero e riottenere la somma versata senza, però, gli interessi che possono essere riscossi solo allo scadere del diciottesimo mese.

Massima flessibilità, dunque, ma anche costi nettamente inferiori a quelli di un qualsiasi conto bancario. Per i nuovi buoni fruttiferi postali a 18 mesi, infatti, non ci sono costi di gestione mensili, imposte di bollo e commissioni. Al termine della procedura il cliente avrà inoltre la possibilità di avere per sé copia del contratto con tutte le clausole.

E per chi è già in possesso di un libretto di risparmi con Poste Italiane, i vantaggi aumentano perché sarà possibile richiedere la creazione di un buono a 18 mesi prelevando la somma decisa (minimo 250 euro) direttamente dal libretto stesso ove verrà indicata la data del prelievo, la somma e la destinazione del denaro uscente così da avere sempre tutto sotto controllo. Chi vorrà investire con un buono a 18 mesi senza prelevare dal libretto di risparmi, invece, potrà richiedere buoni a partire da una somma minima versata di 50 euro.

Foto: economiaefinanza.blogosfere.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.