Compiere il “grande passo” del matrimonio é per i più un impegno oneroso in termini economici da ponderare per tempo, per evitare che la celebrazione di una festa non pesi per molti anni sul futuro bilancio degli sposini e delle relative famiglie.

Anche dall’occasione offerta da questa cerimonia possiamo trarre qualche insegnamento sulla possibilità di risparmiare, senza grosse rinunce o cadute di stile.

Innanzitutto le giovani coppie possono decidere di limitare la spesa, tagliando piccoli dettagli a cui nessuno fa caso: i coni per lanciare il riso saranno pure carini, ma sono così indispensabili?

Muovendosi per tempo é possibile avere più possibile di cercare e di confrontare le offerte a disposizione, anche navigando su internet per scoprire le occasioni più vantaggiose.

Anche la scelta del mese e del periodo della giornata in cui sposarsi possono incidere sulla spesa complessiva: celebrare le nozze nei mesi meno “popolari” (che sono in genere quelli da aprile ad agosto) e preferire un festeggiamento nel pomeriggio o in prima serata può consentire di ridurre il costo sul ristorante.

Anche l’abito, soprattutto quello della sposa, é una spesa importante che, però, sarà indossato solo in questo giorno importante; perché allora non noleggiarlo? In questo modo si avrebbe la possibilità di scegliere il modello che si preferisce, anche il più prestigioso, senza svuotare il portafoglio.

Infine, se si vuole rispettare in pieno la tradizione italiana, si può scegliere di non rinunciare alle bomboniere; si può però anche in questo caso risparmiare ordinando un certo quantitativo della stessa tipologia di oggetto (senza bisogno di differenziare in base all’ospite) con la possibilità di ottenere uno sconto.

Fonte Immagine: www.italiamatrimoni.com

Tags:

Sorry, Comments are closed.