Riaprono e le scuole e anche quest’anno milioni di famiglie italiane si trovano a dover fare i conti con la lista dei testi scolastici da acquistare per i propri. Spesa non indifferente che incide pesantemente sul budget familiare dato che si può arrivare a spendere sino a 283,6 euro per i libri di testo di uno studente che inizia le scuole medie e 321 euro che diventano 554,6 se si aggiungono i testi semplicemente consigliati e per i quali non è obbligatorio l’acquisto per gli studenti che per la prima volta frequenteranno le scuole superiori.

Certo, si tratta di cifre inferiori al limite imposto dal Ministero dell’Istruzione circa la spesa per i libri di testo per ogni classe che il ministero ha stabilito in 290 euro il limite da non oltrepassare per gli alunni di prima media, in 330 euro per gli studenti del liceo classico e in 315 euro per gli studenti del liceo scientifico e dell’Itis. Il ministero, però non ha fatto i calcoli con il fatto che bisogna spendere dei soldi in più per l’acquisto dei dizionari e dei testi consigliati.

Ecco allora che bisogna aguzzare la mente e trovare delle strategie per risparmiare. Una prima soluzione sta nel risparmiare evitando le nuove edizioni. Ebbene prima di acquistare l’ultima edizione di un determinato libro è necessario verificare che ci siano delle differenze sostanziali tra il vecchio ed il nuovo testo. Altrimenti non sarà necessario comprare la nuova edizione del libro.

Magari troverete il testo dell’anno precedente ad un prezzo minore o potrete acquistarlo tra i libri usati, i quali vi permetteranno di spendere la metà di denaro. Inoltre, in alcune catene di supermercati come il Carrefour e la SMA è possibile reperire i testi scolastici con uno sconto del 15% – 20%.

Fonte Immagine:mikepanico.blogspot.com

Sorry, Comments are closed.