Sta arrivando il periodo delle dichiarazioni dei redditi e per molti è tempo di compilare il cosiddetto modello 730, le cui uniche voci da compilare per il contribuente sono quelle relative al reddito e agli importi deducibili e detraibili. Il resto viene compilato dal datore di lavoro o dal Caf, centro di assistenza fiscale della vostra zona di residenza.

Sul Web, al sito Virgilio, sezione economia, sarà possibile scaricare il file del modello 730 fai da te in formato pdf ed editabile. Per utilizzarlo sarà necessario disporre di un programma in grado di leggere i file con estensione pdf e sarà poi facilissimo compilarlo direttamente a video e stamparlo. Il file, infatti, non potrà essere né salvato né inviato direttamente on line al fisco.

Ma quali sono le novità più importanti da sapere per compilare adeguatamente il modello 730 per questo anno 2012?

Attenzione innanzitutto al Quadro B dove andranno riportati gli immobili dei quali si è in possesso ma eventualmente ceduti in fitto a terze persone. Nella colonna 11 del Quadro B appare quest’anno la nuova voce di cedolare secca, divenuta ormai legge, da barrare se si è scelto questo regime di tassazione per gli immobili in fitto (con aliquota al 21% o al 19% in base al contratto di locazione stipulato, libero o a canone concordato).

Per coloro che hanno ristrutturato un immobile, inoltre, dallo scorso anno è stato eliminato l’obbligo di inviare i dati catastali dell’immobile al Centro Operativo di Pescara. Da quest’anno basterà inserire i dati suddetti nella nuova sezione III B rintracciabile nel Quadro E alla sezione “Oneri e spese”.

Importante anche il Quadro F nel quale, grazie ai due nuovi campi inseriti, sarà possibile segnalare il pagamento già avvenuto del credito d’imposta compensato attraverso modello F24.

Grande novità dell’anno guardata con amarezza dalla maggior parte dei cittadini italiani è il rientro dell’ICI, ribattezzata stavolta IMU ( acronimo che sta per Imposta Municipale Unica), al quale è stato riservato il Quadro I. A parte il nome, la sostanza resta praticamente la stessa: il contribuente dovrà indicare gli importi a credito del 2012 per il successivo modello F24 per pagare l’imposta.

Foto: passionelotto.forumcommunity.net

Tags:

Sorry, Comments are closed.