Dopo lo scoglio appena passato dell’Imu, nuovi pagamenti attendono i contribuenti anche se con qualche utile proroga per permettere a tutti di avere il tempo necessario a preparare tutti gli adempimenti richiesti. Ad essere prorogato è stavolta il pagamento dell’Irpef per chi presenta la dichiarazione annuale dei redditi mediante modello Unico. Il pagamento, previsto inizialmente per il 18 Giugno, è slittato così al 9 Luglio mentre il termine ultimo per pagare, seppure con una maggiorazione dello 0,40%, sarà il 20 Agosto.

Una proroga che giocoforza porta con sé altri slittamenti come quello della cedolare secca e dà un attimo di tregua a quanti, aziende e liberi professionisti, saranno tenuti alla presentazione dei cosiddetti studi di settore ovverosia l’elaborazione attraverso la quale dimostrare la congruità tra reddito ed altri parametri come settore, processi produttivi e così via.

La proroga prevista per il pagamento dell’Irpef, ricordiamolo, riguarderà solo coloro che presenteranno il modello Unico e pagheranno l’imposta a rate attraverso F24 mentre i contribuenti che avranno presentato o presenteranno il modello 730 (solitamente lavoratori dipendenti e pensionati) pagheranno eventuali imposte o recupereranno eventuali crediti direttamente in busta paga o sul contributo previdenziale mensile per coloro che non lavorano più.

Per quanto riguarda le persone fisiche senza partita IVA, l’Irpef verrà corrisposto con ultima rata al 30 Novembre 2012 sia per chi inizierà a pagare regolarmente dal 9 Luglio sia per chi deciderà di iniziare il 20 Agosto. L’unica differenza sostanziale, oltre al fatto che chi inizierà a pagare dal 20 Agosto avrà una maggiorazione dell0 0,40%, è che i “ritardatari” non potranno quindi avvantaggiarsi del pagamento in 6 rate ma dovranno accontentarsi di 5. Diverso invece il termine per le persone fisiche con partita IVA la cui ultima rata scadrà il 16 Novembre mentre le condizioni e limitazioni previste per il pagamento posticipato di un mese resteranno invariate.

Foto: vostrisoldi.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.