sigaretta-elettronicaAd un primo sguardo potrebbe sembrare che il sensibile calo di acquisto di sigarette sia imputabile alla crisi secondo un’equazione molto immediata: meno denaro a disposizione, meno soldi da spendere in vizi come il fumo. In realtà il forte calo di vendite delle “bionde”, con un negativo di ben 200 milioni di euro nelle casse dello Stato per l’accisa sui tabacchi dei quali detiene il monopolio, non sembra imputabile alla sola crisi economica che sta mettendo in ginocchio migliaia e migliaia di italiani ogni giorno.

I vizi non sempre vanno via ma a volte possono essere modificati, così come sta avvenendo con le sigarette elettroniche, il futuro, pare meno dannoso per la salute propria e altrui, degli accaniti del fumo. Dell’ammanco di 200 milioni di euro nelle casse dello Stato, infatti, ben il 40% dipende in maniera diretta dall’exploit delle nuove e-cig, le sigarette contenenti talvolta nicotina ma sempre un liquido, a detta di molti innocuo, che sostituisce il fumo emesso dalla “bionda” tradizionale.

Un fenomeno in rapidissima crescita che ha finora prodotto in Italia un giro d’affari da ben 80 milioni di euro ed una ripresa marcata delle vendite nei negozi specializzati che aumentano di giorno in giorno. Tutto questo non poteva passare di certo inosservato e così una notizia ancora ufficiosa degli ultimi giorni afferma che il legislatore starebbe studiando una tassa, l’ennesima, per compensare le forti perdite dovute dal calo delle vendite delle sigarette tradizionali. Ad essere tassato, pare, sarà il famoso liquido delle e-cig, la ricarica necessaria per continuare a “svapare” in libertà.

E mentre continuano le critiche al fumo elettronico e si conferma, a far data dallo scorso 23 Aprile, il divieto ai minori di fumare sigarette, seppure di ultima generazione, è nata un’associazione dei cosiddetti “Vapers italiani” che ha come obiettivo quello di difendere i diritti dei fumatori di sigarette elettroniche, magari anche in vista della nuova tassa che a breve potrebbe affacciarsi anche sul fumo del futuro.

Foto: siamolagente.altervista.org

Tags:

Sorry, Comments are closed.