Il termine per presentare in via telematica la dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2011 è scaduto il 1° Ottobre scorso. Tra le dichiarazioni oggetto del termine previsto compaiono Unico 2012, Irap 2012 ed Iva 2012.

Tuttavia anche i ritardatari potranno rimediare all’errore attraverso l’invio delle stesse dichiarazioni entro 90 giorni e quindi entro il 31 Dicembre di quest’anno. A tutti questi contribuenti distratti, però, sia utile sapere che il ravvedimento comporterà in ogni caso l’applicazione di una mini-sanzione per l’oggettivo ritardo di presentazione della documentazione.

Questa sanzione potrà essere ridotta se e solo se il contribuente non abbia già ricevuto, nel lasso di tempo tra il termine ultimo di presentazione ed il giorno nel quale si ravvede, comunicazione cartacea di accertamento, ispezione, verifica o invito a compilare questionari, a far pervenire altri documenti o a comparire presso gli uffici di competenza. In buona sostanza, quindi, ciò che l’Agenzia delle Entrate esige per una riduzione della multa è il ravvedimento spontaneo, non derivante da pressioni della stessa.

 Al contribuente che si faccia aiutare nell’invio della dichiarazione dei redditi da un intermediario, inoltre, spetta in ogni caso il controllo del corretto operato dello stesso. Ciò vale a dire che in nessun caso l’omessa dichiarazione dei dati richiesti annualmente può essere imputata ad un consulente. Le eventuali inadempienze vanno sì comunicate all’Agenzia delle Entrate ma nello stesso tempo il contribuente è tenuto a rivolgersi, se lo desidera, ad un altro intermediario che tempestivamente invii la sua documentazione. La sanzione per ritardo ed omessa dichiarazione, inoltre, è ancora più salata se le documentazioni non presentate riguardano Iva, Ires, Irap o Irpef.

 Tutti i contribuenti che non hanno inviato direttamente la propria dichiarazione dei redditi tramite via telematica Fisconline o Entratel, e si sono invece rivolti ad un intermediario, dovranno ricevere da quest’ultimo apposita ricevuta con l’originale della dichiarazione inviata on line entro e non oltre il 31 Ottobre 2012.

Foto: investireoggi.it

Tags:

Sorry, Comments are closed.