bagaglio-a-manoUno dei peggiori incubi che accompagna chi viaggia è quello di vedere smarrito il proprio bagaglio. Questo inconveniente rovina infatti l’umore del malcapitato viaggiatore, oltre, chiaramente, a procurargli una serie di problemi. Perdere un bagaglio significa infatti rimanere privo dei propri effetti personali, dagli abiti agli oggetti destinati alla cura del corpo, e senza dubbio arrivare in una nuova città senza l’occorrente è un bel grattacapo. Senza contare che molte volte gli oggetti all’interno del bagaglio sono di valore economico (è il caso ad esempio di abiti griffati).

Ma se nulla si può fare contro l’eventualità che si possa verificare che il nostro bagaglio venga perso o danneggiato, vediamo almeno come si può agire per ottenere il risarcimento. Partiamo dal presupposto che il luogo in cui è più facile che il proprio bagaglio possa essere smarrito è l’aeroporto. Il primo consiglio per evitare spiacevoli inconvenienti è di usare valigie in cui sia possibile scrivere le proprie generalità nelle finestrelle in plastica cucite.

Ad ogni modo, quando ci si accorge tristemente che il proprio bagaglio manca all’appello la prima cosa da fare è recarsi presso l’ufficio bagagli smarriti. Qui dovrete mostrare il vostro biglietto aereo ed il tagliando del vostro bagaglio. Vi verrà quindi fornito un modulo da compilare. Una volta compilato il modulo prenderanno il via le ricerche della vostra valigia. Quanto al risarcimento, la convenzione di Montreal prevede per il viaggiatore la possibilità di ottenere oltre i mille euro per una valigia smarrita o danneggiata.

La convenzione di Varsavia, invece, stabilisce l’importo in relazione al peso del bagaglio. Per ottenere il risarcimento bisognerà presentare denuncia alla compagnia aerea. Ricordate di agire entro i limiti di tempo previsti, che sono 21 giorni se il bagalio è stato smarrito, mentre i giorni scendono a 7 giorni se il vostro bagaglio è stato danneggiato.

Fonte immagine: http://www.aciclico.com/viaggi/cosa-non-si-puo-portare-in-aereo-nel-bagaglio-da-stiva.html

Tags:

Sorry, Comments are closed.